Rigatura della canna

Le caratteristiche e gli esplosi delle parti delle nostre armi AC
Messaggio
Autore
leop10
Sforacchiatore di barattoli
Sforacchiatore di barattoli
Messaggi: 23
Iscritto il: mar 10 nov 2020, 2:41
Località: genova
Età: 63

Rigatura della canna

#1 Messaggio da leop10 »

Esiste un modo non professionale di verifica delle condizioni interne di una canna rigata?
E restando in tema: quali sono i metodi più utilizzati per eseguire le rigature ?

Avatar utente
giga65
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 7088
Iscritto il: ven 25 dic 2009, 9:49
11
Località: Poggio Ren. (FE)
Le mie Armi: HW 977
Gamo CF20F
Età: 56

Re: Rigatura della canna

#2 Messaggio da giga65 »

Salve leop10 :handshake: !

La domanda è piuttosto generica, nel senso che le canne rigate vanno dal 4.5 dell'aria compressa ai calibri da artiglieria navale; suppongo che la domanda sia relativa all'aria compressa o poco più.

In generale una canna si ispeziona "a occhio" con una luce di contrasto dall'altro capo del tubo: però non è che si colga più di tanto ... al massimo si riesce a stabilire se c'è molta ruggine o tanta polvere. Direi che è un metodo un po' troppo qualitativo e assai poco esaustivo.

Di solito con una buona scovolata con un tampone di carta (scottex o similare) si comincia a capire quanto residuo è rimasto in canna (esce il tampone più o meno grigio o addirittura tendente al nero); ma anche questo non dirà più di tanto.

Con un tampone (sempre di carta o di cotone) piuttosto stringente (scorre con forza e lentamente) si comincia ad apprezzare se ci sono punti a maggior attrito (presumibilmente danneggiati o corrosi) tra la culatta e la volata.

Il massimo si ottiene con un tampone di piombo colato per qualche millimetro in volata (previa tappatura dall'altra estremità) che prende esattamente la forma in negativo della canna in volata; una volta avvitato sull'asta impiegata per scovolare e fatto entrare dalla culatta e spinto lentamente verso la volata, permette di apprezzare piuttosot bene le varie asperità che ci possono essere lungo la canna.
Si tratta di un sistema , molto semplificato, che deriva direttamente dal metodo di lappatura delle canne match prevalentemente a fuoco (tamponi in piombo con varie graniture , man mano più fini, per tirare a specchio l'interno della canna).

Per ultimo ... si passa al professionale ... e ci vuole un boroscopio sufficientemente sottile (non so nemmeno se esista per il 4.5); per i calibri a fuoco certamente sì.

Come metodi per rigare le canne si va dalla vecchia (ma ancora utilizzata da alcuni costruttori famosi negli USA specie in canne inox) brocciatura, alla predominante rotomartellatura a freddo (tipica nella produzione di massa di canne) alla bottonatura (più indicata per canne di qualità superiore in quanto si stressa meno l'acciaio) alla elettroerosione a bassa temperatura . Questi almeno quelli che ricordo!

La scelta del metodo per fare la rigatura dipende sia da fattori di produzione ma molto anche dalla durezza dell'acciaio da lavorare: in parole povere una canna di un AR 15 5.56 NATO non sarà mai brocciata perchè l'AISI 4150 è duro parecchio (deve reggere le raffiche). Molti bolt action da tiro hanno canne in AISI 4140. Spesso viene semplicemente dichiarato acciaio al cromo-molibdeno senza specificare al sigla.
Nelle carabine a d aria compressa e .22LR gli acciai sono piuttosto "teneri" e contenenti modeste percentuali di piombo: ciò ne aumenta la lavorabilità alle macchine utensili e rende la superficie interna "più compatibile" con il tipo di proiettili sparati (piombo lubrificato o grassato); solitamente la produzione è per rotomartellatura ma non posso escludere altri metodi più raffinati (canne Lothar Walter).

:friends:
Giulio

leop10
Sforacchiatore di barattoli
Sforacchiatore di barattoli
Messaggi: 23
Iscritto il: mar 10 nov 2020, 2:41
Località: genova
Età: 63

Re: Rigatura della canna

#3 Messaggio da leop10 »

Grazie Giulio,
Mi riferivo in particolare alla aria compressa e , visto che la mia Kite l ho presa usata ci fosse un sistema lo avrei usato
Quello del piombo fuso per me è da escludere. però l arma è passata da Benelli per la molla percussore che era rotta pur essendo cambiata da poco e penso che si sarebbero accorti se la canna aveva problemi o no. Avevo chiesto.la prova rosata ma non la hanno fatta. Il tecnico mi ha detto che l arma è buona e che la velocità regolata a 6j è costante e che le canne Lothar Walter a loro mai hanno dato problemi. Ho trovato la risposta un po' generica ma poi ho pensato che Benelli a fare brutte figure non ci tiene di sicuro. Comunque qualche dubbio mi resta. La risposta che hai dato e' comunque molto apprezzabile.

Avatar utente
kabuto
Maestro di tiro
Maestro di tiro
Messaggi: 1169
Iscritto il: ven 19 nov 2010, 23:01
10
Età: 47

Re: Rigatura della canna

#4 Messaggio da kabuto »

ciao,
le canne delle pistole match sono di ottima qualità.
se a questo aggiungiamo che nell'aria compressa l'usura è praticamente uguale a zero,
penso che tu possa stare tranquillo.

...l'unico dubbio,
è che il vecchio proprietario non si sia cimentato in lavorazioni "artigianali".

fai qualche rosata sparando in appoggio,
se fa un buco solo è tutto ok.

leop10
Sforacchiatore di barattoli
Sforacchiatore di barattoli
Messaggi: 23
Iscritto il: mar 10 nov 2020, 2:41
Località: genova
Età: 63

Re: Rigatura della canna

#5 Messaggio da leop10 »

Ciao Kabuto,
in appoggio non ho ancora tirato perchè solo ieri ho ricaricato i serbatoi col compressore e , soprattutto, con l assistenza in video chiamata di Sergio che mi ha istruito sul corretto uso del compressore . 2/300 bar sono da rispettare e all'inizio un aiuto non guasta di sicuro.
Poi ,con onestà, l idea che la pistola non sia perfetta mi spaventa parecchio e allora meglio spostare un pò nel tempo la prova. Vedo che qui di gente capace ce n' è molta e vi farò sapere e ascolterò i vostri consigli.

Tango 3
Sforacchiatore di barattoli
Sforacchiatore di barattoli
Messaggi: 4
Iscritto il: mar 9 giu 2020, 23:05
Località: Bologna
Età: 68

Re: Rigatura della canna

#6 Messaggio da Tango 3 »

Ciao a tutti se qualcuno riesce a darmi un consiglio....che differenza di precisione si ha avendo una canna poligonale rispetto ad una standard ? Mi riferivo di una pcp calbro 6,35.

Torna a “Specifiche Tecniche & Esplosi”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti